“Questa riforma è un paravento per nascondere tutti i mali dei vecchi partiti e della politica”. Luigi Di Maio, nella sede della stampa estera a Roma, elenca tutto quello che con il Sì al Referendum Costituzionale cambierà. “Se la riforma passerà sarà irreversibile, perché per modificarla servirà l’accordo dei nuovi senatori”. Poi il vicepresidente dlla Camera dei Deputati attacca Renzi: “Ci ridicolizza di fronte alle istituzioni europee, usando la finanza pubblica per vincere il referendum”. E sulle dimissioni in caso di vittoria del No è netto: “Saranno gli italiani a chiedere al presidente del Consiglio di tener fede alla sua prima promessa, ma noi non parteciperemo a governi di scopo. Al contrario chiederemo a Sergio Mattarella che si vada a votare il rima possibile”  di Manolo Lanaro