La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha sancito che l’Italia non rispetta gli obblighi previsti dal diritto dell’Unione Europea, perché non garantisce sempre un indennizzo equo ed adeguato alle lesioni subite alle vittime di reati dolosi violenti, quando sono cittadini di un altro Paese dell’Ue. Secondo una direttiva dell’Unione, infatti, le vittime devono ottenere un risarcimento per le lesioni subite indipendentemente dal luogo dell’Unione europea in cui il reato è stato commesso. Gli Stati membri devono mettere in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie a conformarsi alla direttiva.

La Commissione nel 2014 aveva promosso di conseguenza un ricorso per inadempimento contro l’Italia dinanzi alla Corte. L’esecutivo sostiene che l’Italia, non avendo creato un sistema generale d’indennizzo in grado di coprire tutte le tipologie di reati dolosi violenti nelle situazioni transfrontaliere (quali lo stupro, le gravi aggressioni di natura sessuale, gli omicidi, le lesioni personali gravi e, in linea generale, qualsiasi reato che non rientri nell’ambito di applicazione delle ‘leggi speciali’), è venuta meno agli obblighi che ha, in forza del diritto dell’Unione.

L’Italia afferma, invece, di essersi conformata agli obblighi derivanti dalla direttiva. A suo parere, dalla direttiva emerge che gli Stati membri devono unicamente consentire ai cittadini dell’Unione residenti in un altro Stato membro di avere accesso ai sistemi di indennizzo già previsti dalle norme nazionali adottate in favore dei loro cittadini.

Con la sentenza di martedì, la Corte sottolinea che il sistema di cooperazione istituito dalla direttiva richiede il rispetto del principio di non discriminazione sulla base della cittadinanza per quanto riguarda l’accesso all’indennizzo delle vittime di reati nelle situazioni transfrontaliere. In seguito alla trasposizione della direttiva in Italia, le leggi speciali che prevedono la concessione di un indennizzo a carico dello Stato italiano a favore delle vittime di talune forme di reati dolosi violenti, in particolare i reati legati al terrorismo e alla criminalità organizzata, sono destinate ad applicarsi anche alle situazioni transfrontaliere (in linea generale, quando la vittima di un reato commesso nel territorio italiano è cittadina di altro Stato membro).

La Corte aggiunge che, in tali situazioni, la direttiva impone anche a ogni Stato membro di adottare, al fine di tutelare la libera circolazione delle persone nell’Unione, un sistema nazionale che garantisca un livello minimo di indennizzo equo ed adeguato per le vittime di qualsiasi reato doloso violento commesso nel suo territorio. Gli Stati membri dispongono, in linea di principio, della competenza a precisare la portata della nozione di reato doloso violento nel loro diritto interno. Tuttavia, essi non possono limitare il campo di applicazione del sistema di indennizzo delle vittime soltanto ad alcuni dei reati dolosi violenti. La Corte conclude dichiarando che l’Italia, non avendo adottato tutte le misure necessarie al fine di garantire l’esistenza, nelle situazioni transfrontaliere, di un sistema di indennizzo delle vittime di qualsiasi reato doloso violento commesso sul proprio territorio, non ha correttamente trasposto la direttiva.