/ /

La storia del foodhero Francesco Montrone

Roald Dahl la immaginava e la descriveva nei suoi libri, Johnny Depp gli dava un volto nel film di Tim Barton. A Scandicci, in provincia di Firenze, Francesco Montrone è un Willy Wonka in carne ed ossa che però fugge dall’idea di “industria del cioccolato”. “Noi ci vogliamo definire artigiani- spiega- certo, la tecnologia ci ha aiutato, ma manteniamo ben a mente quale sia la nostra missione: la qualità”.

Francesco Montrone, pugliese trasferitosi in Toscana, impara l’arte del Chocolatier in Francia e nel 1989, tornato in Italia con sua moglie Maria Antonella Urzi, inizia la produzione, seguendo l’intera filiera: dal seme di cacao fino alla tavoletta confezionata. “E’ stato mio suocero a trasmettermi la passione per il cioccolato. Ora è la mia vita. Mia e della mia famiglia – racconta- Dove c’è cacao ci siamo noi”.

Nella sua bottega vengono utilizzate solo materie ricercate e di ottima qualità, come il Limone Sfusato di Amalfi, la Mandorla di Toritto, il caffè Huehuetenango del Guatemala, Nocciola Piemonte I.G.P. e vaniglia Mananara del Madagascar. Francesco utilizza inoltre una selezione di cacao pregiato, come il Criollo venezuelano e quello amazzonico del Perù. tra i suoi prodotti ci sono Urzissima, la crema spalmabile e le Bottigliette Urzi, che contengono pastiglie di cioccolato pronte per essere sciolte.

Per Francesco le chiavi del successo in cioccolateria sono: materia prima buona, onestà nella produzione, artigianalità e lentezza. Soprattutto quest’ultima è fondamentale per fare ogni cosa al meglio. “Quando vivevo in Puglia, avevamo in casa un forno a legna, in cui mamma metteva un coccio di fave, che diventavano crema per le tante ore di cottura- racconta- non c’era bisogno del cutter o del mixer. La lentezza faceva già la sua magia”. Un tempo passato ricco di ricordi importanti e un presente vissuto a pieno. Se gli si chiede cosa gli piacerebbe tramandare a chi verrà, Francesco sorride: “Non lo so, io sono ancora in viaggio”.

FOODHEROES è una produzione Foodscovery - Foodquote Srl © tutti i diritti riservati. Riprese: Danny Christensen, Lorenzo Montanari. Assistente Riprese: Enrica Romagnoli. Montaggio: Gianluigi Carella. Foto: Danny Christensen, Claudia Flores. Direttore progetto: Alessandro Lombardo.
×
La storia di Giovanni Solmi, il foodhero dell’aceto balsamico DOP
La storia di Roberto Grattone, il foodhero del formaggio Montébore

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×