Marcello De Vito, presidente d’Aula, commenta le parole di Virginia Raggi in Consiglio comunale. “Bene ha fatto la sindaca a riconoscere gli errori, se siamo arrivati a comporre la giunta a ottobre è evidente che qualcosa non è andato”, afferma il consigliere M5s. “Adesso la giunta è al completo, possiamo lavorare. Mazzillo è un buon assessore, conosce bene il Bilancio. Trascorsi nel Pd? Esperienza marginale, è stato un candidato di una lista civica ad Ostia. Il divieto di candidature con altri partiti vale per i consiglieri non per gli assessori”, replica. “Muraro? Aspettiamo le carte, lo abbiamo sempre detto –  risponde De Vito – e non è un garantismo nuovo. L’ipotesi di essere sostituita con Colomban non è al vaglio, l’imprenditore molto preparato e competente ha già una delega importante, quella alle Partecipate”. Il buco nelle partecipate da un miliardo di euro? “L’allarme della Ragioneria – conclude – risale a maggio, è una fragilità pregressa. Attacchi pretestuosi, dovremmo intervenire a livello strutturale e tagliare gli sprechi. Ci vorrà tempo, non si può fare in tre mesi”