Formentera, Bonolis è assediato da fan che aspettano di fare un selfie con lui. Renga e Zucchero sono seduti a un tavolino e, appena muovono un passo, anche loro, sono illuminati dai flash degli smartphone. “Finalmente ce l’ho fatta”, grida facendo una giravolta su se stessa una ragazza, “ho fatto un selfie con Renga. Per un momento ho raggiunto la felicità”. Ha speso 1500 euro pur di essere lì, in mezzo ai vip: “Mio padre è operaio, mia mamma casalinga, io faccio la cassiera”. Con un clic si raggiunge la felicità e con lo stesso clic si raggiungono centinaia di migliaia di follower su Instagram. Basta una foto, una posa, un abbigliamento alla moda e si diventa Influencer. Giovanissime ragazzine che guadagnano fino a 200 euro a foto per pubblicizzare il capo di questo o quel brand. “Oggi la pubblicità funziona più con noi che con i personaggi famosi”, ci spiega Anna Penello, una delle tre influencer che abbiamo raccontato. Sembrano quasi ipnotizzate dai loro cellulari: scattano e modificano, continuamente. “Svegliarsi la mattina e farsi la foto, cambiarsi sette volte in un giorno. Non è facile come sembra, è faticoso”, dice Carlotta Scarlini. Il reportage di Francesca Fagnani e di Micaela Farrocco per ‘Italia – Tutti ricchi (per una notte)di Michele Santoro