In occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, Domenico Iannacone propone uno speciale viaggio nell’odissea dei migranti nel canale di Sicilia: ‘Lontano dagli occhi’, in onda su Rai3 lunedì 3 ottobre alle ore 23.05. Attraverso immagini drammatiche e testimonianze, il reportage ci obbliga a guardarci dentro senza condizionamenti ideologici e strumentalizzazioni politiche. Storie simboliche, come quella di Vincenzo, umile custode del cimitero che sull’isola ha dato sepoltura a corpi senza nome e che ancora oggi continua ad accudire la loro memoria, si confondono con la paura e il terrore incisi nelle registrazioni concitate di chi chiede aiuto in mare aperto su barconi in avaria che rischiano di affondare. Ultimi disperati tentativi di rimanere attaccati alla vita. Così come la memoria rimasta imprigionata anche negli oggetti che i migranti portano con sé durante la traversata e che raccontano sogni, desiderio di vivere ed esistenze spezzate. Racconti di chi salva e di chi rimane imprigionato in fondo al mare: il recupero del  relitto di un peschereccio, uno dei più grandi naufragi del Mediterraneo con circa 800 morti o l’impegno di Cristina Cattaneo, l’anatomo-patologa dell’Università di Milano che insieme a tanti esperti e ricercatori  sta cercando di dare un nome a quelle vittime. A cucire queste e altre storie le parole di un grande scrittore italiano, Andrea Camilleri, che ci porta a indagare le nostre paure e ad aprirci al futuro