Uno zaino in spalla, gli spostamenti in treno e la scoperta di Paesi e culture diverse. Per molti giovani l’Interrail è un’esperienza unica. Un viaggio dove gli imprevisti accadono sempre. Dove si conoscono persone nuove e dove si impara a vivere e a stare insieme. La settimana prossima il Parlamento europeo di Strasburgo valuterà la proposta di regalare un pass Interrail a tutti i nuovi diciottenni dell’Unione Europea.

L’idea è stata proposta due settimane fa da Manfred Weber, capogruppo del Partito Popolare Europeo. Il 27 settembre il politico ha depositato un’interrogazione scritta alla Commissione dell’Unione Europea chiedendo all’esecutivo di “esaminare la possibilità di stanziare i finanziamenti necessari per rendere pienamente operativo il pass quanto prima possibile, in stretta collaborazione con le aziende ferroviarie e gli Stati membri”. La proposta è piaciuta anche ai Socialisti & democratici che hanno rivendicato la paternità dell’iniziativa, avanzata per la prima volta dall’ungherese István Ujhelyi nell’agosto 2015.

Attualmente un mese di Interrail costa circa 500 euro e consente di spostarsi in trenta paesi. Martedì in aula a Strasburgo sarà presente anche Violeta Bulc, commissaria dell’Unione Europea ai Trasporti, per analizzare insieme agli eurodeputati la fattibilità e le possibili coperture economiche.