Jasmine è una bambina di due anni affetta dalla Sindrome di Down e da un’ipertensione polmonare. Due settimane fa ha realizzato il suo sogno: incontrare i giocatori del Sunderland, la sua squadra del cuore. Dopo aver subito una seria operazione al cuore i medici hanno dato comunicato ai genitori che per la malattia della bimba non esiste una cura. Il nonno di Jasmine, tifoso del Sunderland, si è attivato per far avverare il sogno della bambina.

Il club inglese, appresa la vicenda, si è subito mosso per realizzare il desiderio della piccola. Jasmine Purvis ha trascorso un’intera giornata al centro sportivo dei Black Cats: oltre ad aver fatto colazione con la squadra, la piccola ha incontrato i  giocatori e il manager David Moyes. La bambina ha trascorso parecchio tempo poi con Jermaine Defoe, il suo calciatore preferito. “La faccia di Jasmine si è illuminata quando ha visto Defoe, è stato davvero incredibile” ha riferito l’operatore sociale. Il Sunderland ha poi regalato alla famiglia una maglietta della squadra e un pallone ufficiale della Premier League.

La famiglia Purvis ha avviato una raccolta fondi per aiutare i bambini che sono affetti dalla stessa malattia di Jasmine. In poco tempo “Jasmine Hearts” ha raccolto £ 3.000. La comunità di Sunderland poi appresa la vicenda si è attivata per regalare ai Purvis un’ultima vacanza tutti assieme ad Haggerston Castle, nel Northumberland.