Erano in contatto con Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, l’autore della strage di Nizza avvenuta il 14 luglio scorso. Otto persone sono state arrestate nella notte tra la città della Costa Azzurra e comuni vicini nel dipartimento delle Alpi marittime. “Si tratta di conoscenti dell’autore dei fatti”, ha confermato una fonte giudiziaria citata dal giornale locale Nice-Matin, che prosegue: “Sono posti in stato di fermo, stiamo facendo delle verifiche. Si tratta di uomini di nazionalità francese e tunisina“.

Salgono così a 15 le persone arrestate nell’ambito dell’inchiesta sulla strage, tutte sospettate di aver in vario modo aiutato il 31enne che alla guida di un camion si è lanciato contro la folla sulla Promenade des Anglais, uccidendo 86 persone, tra cui sei italiano, e ferendone più di 400.