Trasporto pubblico a Roma? Non ho ingannato i cittadini. Ho dato via a un piano straordinario di manutenzione, riprogrammando i bus sulla base dei mezzi effettivamente disponibili. E la riprogrammazione non è un taglio delle corse. È chiaro che questo è un regime transitorio”. Così, ai microfoni di “Ma che parlate a fa’”, su Radio Roma Capitale (Fm 93), l’assessore alla Città in Movimento del Comune di Roma, Linda Meleo, risponde alle polemiche esplose negli ultimi giorni sui trasporti di superficie capitolini. “Quando si è insediata la giunta Raggi, in Atac ho trovato una situazione complicata” – spiega – “come ho già detto sul mio profilo Facebook, da mesi i fornitori fornitori non sono pagati con puntualità e ho scoperto il reale fabbisogno finanziario. Così sono intervenuta immediatamente mettendomi alla ricerca di fondi per la manutenzione dei bus e dando via a questo piano”. E precisa: “L’obiettivo è rimettere in sesto tutti i mezzi che sono in manutenzione e incrementare il numero di corse. Ho chiesto all’azienda di fornirmi un report settimanale sul numero di vetture che possono essere rimesse in circolazione ed entro l’autunno si potrebbe tornare alla normalità. Siamo anche in attesa dei primi 40 bus dei 150 acquisiti con contratto di leasing finanziario, dovrebbero arrivare a novembre”. Sulle linee metropolitane, afferma: “Con la Metro C dovremmo arrivare fino ai Fori imperiali e dovremmo valutare come riprogrammare le attività di progettazione della metro per evitare gli errori del passato. Finché non c’è un servizio di qualità, escluderei un aumento del prezzo del biglietto. Gli obiettivi del mio assessorato?” – chiosa – “Maggior numero di piste ciclabili, riprogrammazione delle corsie preferenziali, creazione di isole pedonali in ciascun Municipio e recupero del ruolo delle linee tranviarie”