In Cina è stato aperto il ponte di vetro più alto e lungo del mondo. Da oggi i visitatori del parco naturale situato nella provincia centrale cinese dello Hunan possono percorrere a piedi i 430 metri di lunghezza dell’infrastruttura larga sei metri, che attraversa un canyon Changsha profondo trecento metri nell’oasi verde della foresta di Tianmenshan, dove furono girate diverse scene del film Avatar.

Il ponte, composto da 99 pannelli di vetro trasparente su tre strati, può essere attraversato solo a piedi per un massimo di 8mila visitatori al giorno. Le autorità locali per rassicurare circa la sicurezza della struttura, ai primi dell’anno hanno fatto attraversare il ponte è stato da un’automobile carica di passeggeri e da un camion di due tonnellate. L’opera unisce due parti della montagna Tianmen, che vuol dire Porta del cielo. Sul ponte possono salire fino a 800 persone per volta. L’opera è costata 22.500 milioni yuan, pari a circa 3 miliardi di euro, il ponte è stato ultimato a maggio scorso, cinque mesi dopo il previsto, a causa delle forti piogge che hanno colpito la zona. Con questa attrazione la provincia centrale dello Hunan, già molto visitata dai turisti cinesi ma non solo, in quanto terra natale di Mao Zedong, storico leader della rivoluzione comunista cinese, prova a incrementare il numero di visitatori in una delle principali mete naturalistiche.