La notte ha portato semifinali, più che consigli. E ora si spera che il 16 agosto continui sulla scia delle ultime ore del 15 – quelle in cui Elia Viviani ha conquistato uno storico oro nell’Omnium –
e le prime di oggi, durante le quali l’Italia ha centrato due risultati importanti. Ha iniziato attorno all’1.30 il Setterosa battendo la Cina (12-7) nei quarti del torneo di pallanuoto e guadagnando così la semifinale contro la Russia; poi all’alba, battendo proprio la coppia “moscovita“, il duo LupoNicolai ha centrato una storica semifinale nel beach volley maschile. A Londra si fermarono ai quarti, ora sognano il colpaccio.

Le ragazze della pallanuoto, trascinate da Emmolo e Di Mario, hanno strapazzato le cinesi con una partita condotta dal primo all’ultimo minuto e adesso sfideranno la Russia, già battuta 10-5 durante i gironi. Lupo e Nicolai, invece, hanno avuto la meglio in tre set di Liamin e Barsuk: nella notte tra martedì 16 e mercoledì 17, alle 4, si giocheranno la finale contro un’altra coppia russa, quella formata da Krasilnikov e Semenov.

In attesa di avere buone notizie all’alba di domani, oggi dalle 14 si ritorna a sperare in nuove medaglie con il nuoto di fondo maschile e la vela. Simone Ruffini e Federico Vanelli saranno impegnati nella 10 chilometri e proveranno a bissare l’argento di Rachele Bruni. Cinque minuti più tardi inizierà la medal race dei Nacra 17 – un catamarano acrobatico – con gli ingegneri BissaroSicouri che al momento sono secondi alle spalle degli argentini Santiago Lange e Cecilia Carranza Saroli, avanti di 5 lunghezze. Subito dopo il tuffo dei due azzurri e la partenza dei velisti nelle acque di Rio, alle 14.08, Carlo Tacchini sarà impegnato nella finale della canoa sprint C1 1000 metri. Mentre alle 17.20, il Settebello affronta la Grecia nei quarti di finale del torneo di pallanuoto per imitare la nazionale femminile e raggiungere la semifinale. Alle 19.47 inizia invece la finale del corpo libero con due italiane alla caccia di una medaglia: Erika Fasana e Vanessa Ferrari saranno infatti tra le otto atlete che si contenderanno il podio.

Buone speranze per le azzurre, come anche per il duo Cerruti-Ferro nel nuoto sincronizzato femminile che dalle 19 assegna le medaglie nella finale, alla quale le italiane si sono qualificate con il sesto punteggio. Il bottino di 23 podi potrebbe ingrossarsi ancora, confermando almeno per un altro giorno lo splendido quinto posto nel medagliere alle spalle delle superpotenze Usa, Gran Bretagna, Cina e Russia.