Ancora una volta la tecnologia legata alle stampanti 3D è stata impiegata nella realizzazione di protesi, ma questa volta per un animale. È accaduto in Costa Rica per riparare il becco di un tucano rotto da alcuni ragazzini. Una vicenda che nel Paese ha suscitato forte indignazione e solidarietà nei confronti dell’uccello, tanto che diverse associazioni e aziende locali hanno sostenuto il progetto. L’esemplare, un maschio ancora giovane, è stato portato in un centro di recupero nel mese di gennaio in condizioni piuttosto gravi. I veterinari che l’hanno preso in cura, chiamandolo Grecia come la zona in cui è stato trovato, ne hanno seguito la convalescenza fino all’operazione che ha permesso il nuovo impianto del becco. La protesi è costituita da due parti: una agganciata al moncherino rimasto, fissa, ancorata con delle viti, l’altra da poter sostituire man mano che il tucano crescerà