“L’attacco di ieri a Charleroi, in Belgio, è stato effettuato da uno dei soldati dello Stato islamico in risposta agli appelli a colpire i cittadini dei Paesi che appartengono alla coalizione crociata”. L’Isis ha rivendicato l’attacco di sabato 6 agosto avvenuto nella cittadina belga, in cui un uomo armato di machete ha ferito al volto due poliziotte al grido di Allah Akbar. A diffondere il messaggio è Amaq, agenzia dell’autoproclamato Califfato. Già nel giorno dell’attacco il premier Charles Michel aveva parlato di possibile matrice terroristica dell’attentato.

Intanto è stato riconosciuto il killer, ucciso da un terzo agente dopo l’attentato. Si tratta di un cittadino di nazionalità algerina di 33 anni in Belgio in modo illegale dal 2012. La procura federale del Belgio in una nota ha spiegato che era conosciuto alle forze dell’ordine per piccole infrazioni ma non per fatti legati al terrorismo.

Michel ha assicurato che nell’incontro avuto oggi con i servizi di sicurezza sono state prese misure supplementari e ha spiegato che “nei prossimi giorni verranno organizzati incontri con i sindacati per valutare eventuali misure supplementari per la sicurezza dei poliziotti“. “Noi restiamo comunque in allerta – ha aggiunto – Ci siamo confrontati con una nuova situazione in questi mesi non solo in Belgio ma in tutta l’Europa”. L’allerta in Belgio rimane al livello 3 su un massimo di 4.