Che fosse questione di tempo c’era da aspettarselo: avvisaglie nemmeno troppo velate ne avevamo avute anche nei reality di casa nostra, certo non esempi di sobrietà e qualità televisiva. Che il nudo sarebbe ben presto diventato smaccatamente protagonista del trash televisivo più di quanto non lo fosse già, insomma, non è cosa che coglie di sorpresa. Succede in Gran Bretagna, nel nuovo reality lanciato su Channel 4, “Naked Attraction“.

Nello show di “incontri” i protagonisti interagiscono nudi. Anzi, tutto ruota intorno alla nudità: i partecipanti scelgono infatti il possibile partner valutando il corpo, organi sessuali in prima linea. Il ‘modello’ è quello, purtroppo vivo e vegeto anche nell’anno duemilasedici, del Gioco delle Coppie solo che qui gli aspiranti fidanzati o fidanzate entrano in studio chiusi in una teca semitrasparente: la telecamera indugia sui particolari del corpo, e poi la scelta.

In una puntata un concorrente è stato eliminato perché aveva il pene troppo grande: chissà se il buon Mike avrebbe mai immaginato che la sua storica (e pudica) gaffe con la signora Longari “caduta sull’uccello” avrebbe trovato concreta e demoralizzante rappresentazione in uno show televisivo. Molti spettatori inglesi si sono lamentati e un portavoce di MediaWatch ha definito Naked Attraction “il peggior programma mai mostrato in tv”. Ma non sembrano al momento esserci notizie sulla sospensione dello show che, appunto, “must go on”, naked.