“Ieri sono uscite le prime indiscrezioni sui megastipendi dei professionisti della propaganda di regime che sforano abbondantemente il tetto di 240.000 euro grazie a un cavillo voluto da tutto il Pd, che oggi con il suo presidente Orfini fa finta di indignarsi. Ipocrita”. Così il blog del Movimento 5 Stelle che ha ripubblicato l’intervento di ottobre 2015 della parlamentare Mirella Liuzzi. Durante la legge di riforma della governance del Servizio pubblico, l’onorevole M5S illustrava un emendamento per impedire proprio i gli stipendi d’oro dei dirigenti della tv di Stato. “Tutti sapevano che sarebbe stato possibile superare il tetto degli stipendi Rai di 240mila euro grazie all’emissione di obbligazioni finanziarie – spiega la diretta interessata – Ma il Pd voto contro, come votò contro quando ripresentai lo stesso emendamento durante la legge di stabilità. Quindi è ridicola e falsa l’indignazione di Matteo Orfini