Sono arrivati in bicicletta. Hanno bussato. E poco dopo uno dei due ha fatto fuoco con una pistola. Roberto Tosi Savonuzzi, 73 anni, è stato ucciso. La moglie, Raffaella Pareschi, è in fin di vita. E’ successo in via Ravenna, nelle campagne di Fossanova San Marco, alle porte di Ferrara.

Intorno alle 9 di domenica mattina, due giovani si sono presentati al casolare dove i coniugi settantenni sono affittuari. Quando se ne sono andati hanno lasciato a terra i corpi di marito e moglie. La Pareschi è stata trasportata all’ospedale di Cona e poi trasferita con l’eliambulanza al Maggiore di Bologna. Per l’uomo non c’è stato niente da fare. Secondo le prime frammentarie informazioni, sembra che a premere il grilletto sia stato il fidanzato della nipote dei proprietari della casa. Il movente potrebbe essere legato proprio a dissidi tra i proprietari e gli inquilini. Sembra che nell’ultimo periodo, a quanto si è appreso dalle testimonianze, era in corso una disputa per una perdita d’acqua da un terrazzo, con scambio di raccomandate.

A dare l’allarme sono stati i vicini della casa di fronte a quella della coppia che, visti i corpi dei due, hanno chiesto aiuto. Inizialmente i colpi di pistola erano stati scambiati per petardi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, la polizia e la Guardia di Finanza, che hanno raccolto le testimonianze. Al casolare di via Ravenna sono arrivati anche il pm di turno Stefano Longhi e il medico legale Maria Rosa Gaudio. Gli uomini della Scientifica dell’Arma stanno compiendo i rilievi per ricostruire quello che è successo. L’uomo è stato colpito all’addome da distanza ravvicinata con un’arma di piccolo calibro, che non è stata recuperata, mentre la moglie è stata raggiunta alla schiena. I due uomini sono ancora ricercati. Sarebbero scappati in direzione di Ferrara.