“La forbice tra ricchi e poveri si è allargata tantissimo in questi ultimi anni. L’Italia era il Paese con il miglior sistema nazionale sanitario del mondo venti anni fa, oggi invece 11 milioni di persone non possono curarsi perché non hanno i soldi per farlo. Ma è civiltà questa?”. E’ la denuncia di Gino Strada, fondatore di Emergency, nel corso de La Gabbia Open, su La7. “Io credo che la medicina e le cure sanitarie” – continua – “siano un diritto umano fondamentale e debbano essere riconosciute. Punto e basta. Ovviamente mi riferisco alla sanità pubblica. Per me la medicina è solo pubblica, il resto è schifezza“. Duro monito del medico all’Ue e alla Nato: “Doveva essere l’Europa della pace, ma in realtà la guerra l’ha fatta. Gli Stati della Ue sono in guerra, come l’Italia. E questo dovrebbe essere incompatibile con lo spirito e i valori dell’Europa. Dei valori della Nato non voglio neanche parlare. Credo che non siano ancora nati. Cosa sarebbe l’America con Trump presidente? Non riesco neanche a immaginarla. Trump rappresenta meglio di altri l’americano medio, purtroppo. D’altra parte, se vediamo i leader degli altri Paesi, c’è un campionario di matti, da Erdogan al dittatore nordcoreano”. Poi, una battuta sull’attuale presidente americano: “Obama si è meritato il Nobel per la pace? Beh, non c’era quello per la guerra e allora hanno dovuto dargli quello”. Strada ribadisce più volte la sua opinione sull’attuale situazione travagliata nel mondo: “Io credo che il farla finita con la guerra sia l’unica opzione possibile . Un mondo senza guerre è l’unica prospettiva realistica. Che senso ha distruggere pezzi della nostra stessa società? Non ha senso sia dal punto di vista etico, sia da quello biologico”. Critica severissima anche all’Onu: “Ci sono guerre che scoppiano ogni giorno, tanto che il mondo è paragonabile ai pop-corn in questi tempi. E in sede di Nazioni Unite la questione di cosa fare rispetto alle guerre non viene neanche affrontata. Dobbiamo smettere di darci giustificazioni, pensando che in fondo è una lotta per la sopravvivenza e che le guerre ci sono sempre state. Tutte queste cazzate qui non hanno nessuna radice storica. Noi” – continua – “ non dobbiamo pensare alla lotta per la sopravvivenza. Dobbiamo pensare alla lotta per la convivenza. Abbiamo una profondissima crisi di valori. L’unica verità della guerra e del terrorismo sono le vittime