Per l’Inps erano affetti da paralisi motoria, disturbi psichici e fobie. E invece camminavano tranquillamente per la città e facevano la spesa al supermercato. Diciassette falsi invalidi sono stati posti agli arresti domiciliari dai carabinieri in un blitz scattato all’alba a Napoli per l’esecuzione di un’ordinanza per i reati di truffa ai danni di ente pubblico, falso e contraffazione di certificati. Ad altre dieci persone è stata notificata la misura cautelare di obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. 

Tra i falsi invalidi ci sono anche alcune persone con paralisi motorie riprese dai carabinieri nei discount a fare la spesa. Nel corso delle indagini, condotte dalla dai carabinieri di Posillipo, è stata riscontrata la falsificazione di verbali di accertamento di invalidità dell’Asl, anche mediante uso di falsi timbri di stato, tanto da indurre in errore funzionari Inps e ottenere indebitamente l’erogazione di pensioni di invalidità per un importo calcolato in 1,7 milioni di euro.