Sulla scia dei morti di Nizza, Anonymous dichiara guerra al terrorismo. Obiettivo: “Neutralizzare chiunque attacchi la nostra libertà“. Lo ha comunicato il gruppo di hacker militanti anonimi in un comunicato “letto” dall’annunciatore virtuale con la iconica maschera. Tanto per cominciare – riportano vari media – Anonymous potrebbe cercare di rintracciare i legami fra il killer di Nizza, Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, e il comando centrale dell’Isis in Siria, cercando le sue “tracce digitali online”. Inoltre cercherà in giro indizi di un eventuale nuovo attacco. Già nell’ultimo anno Anonymous si è dato molto da fare per rintracciare e “silenziare” le fonti e la diffusione sui social network della propaganda e del reclutamento dello Stato islamico, per “spazzare via l’Isis da internet“. Secondo recenti analisi, la presenza dell’Isis sul web è calata in due anni del 45% e il contributo di Anonymous in questo risultato potrebbe essere rilevante