Quando ha visto il piccolo robot navigare nelle acque dell’oceano deve aver pensato che poteva trattarsi di un pesce o, comunque, lo ha scambiato per qualcosa di commestibile. Lo squalo così ha pianificato l’attacco ed è sbucato dalle profondità marine azzannando il macchinario. Ha lasciato la presa con l’amaro in bocca appena si è reso conto del fatto che si trattava di un oggetto metallico