Il collaudatore della Ducati analizza le differenze tra la proprietà tedesca e la precedente