Il vicepresidente della Fondazione Agnelli ha parlato degli atleti italiani che andranno alle prossime Olimpiadi di Rio 2016. “Gli azzurri che parteciperanno ai prossimi Giochi Olimpici devono essere portatori di valori, un esempio per tutti, in particolare per gli studenti”. Lo ha detto John Elkann in occasione del 50esimo anniversario della fondazione, in collaborazione con il Coni e la Gazzetta dello Sport, che promuove un’iniziativa benefica da realizzare in occasione delle Olimpiadi e Paralimpici. Tra le atlete e gli atleti italiani che conquisteranno almeno una medaglia a Rio 2016, 3 atleti (o squadre) di discipline olimpiche e 3 atleti (o squadre) di discipline paralimpiche riceveranno dalla Fondazione Agnelli un corrispettivo in denaro aggiuntivo rispetto ai premi corrisposti dal Coni.

“Noi crediamo molto nell’esperienza della testimonianza – dice il presidente di Fca ed Exor – questa iniziativa è frutto del grande interesse della nostra famiglia nei confronti del mondo dello sport ma anche verso quello dell’istruzione e la testimonianza degli atleti è il modo migliore per coniugarli. Agli atleti chiediamo di testimoniare nelle scuole la loro esperienza”.

A fronte dei premi ricevuti, nel corso dell’anno scolastico 2016-2017, gli atleti vincitori si impegneranno a portare la loro testimonianza sul tema dell’impegno e dei valori dello sport nelle scuole italiane, secondo un programma che sarà definito dalla fondazione stessa in base alla loro disponibilità e tenuto conto dei rispettivi impegni sportivi.