D’Alema è il leader più simile a Renzi, visto che l’accordo con Berlusconi l’hanno fatto prima D’Alema e poi Renzi”. Così il direttore de il Fatto Quotidano, Marco Travaglio, a ‘Otto e mezzo‘ (La7) sull’ex premier. “Due personaggi così simili non potevano stare insieme, ecco perché Renzi tra tutti i vecchi da rottamare, ha rottamato lui; anche se quelli del Pd sembra che siano stati più veloci a rottamare se stessi”. “D’Alema – aggiunge Travaglio – è il primo che ha interpretato alla perfezione la logica di Renzi, cioè pro o contro di lui”