Hanno avuto in cura una bambina per due anni. Dinanzi all’ennesima crisi di pianto e a difficoltà a urinare, le hanno prescritto un antinfiammatorio: il pianto della bambina sarebbe stato dovuto semplicemente alle “attenzioni eccessive dei genitori”, dissero. Un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della Procura di Napoli nord ha posto ai domiciliari Angelo Coronella, un pediatra e neonatologo che esercitava in una struttura sanitaria privata di Casal di Principe, il Pediatric Center, di sua proprietà, in provincia di Caserta, e la moglie Ersilia Pignata, donna originaria di Formia (Latina) senza una laurea in medicina e senza alcuna competenza medica. L’accusa per entrambi è di omicidio colposo: non si sono mai accorti – nonostante ripetute visite e anche svariate ecografie – che la piccola, nata a Giugliano, era affetta da tumore, un neuroblastoma al quarto stadio, cioè un tumore maligno già metastatizzato che la uccise nel 2014 e che è stato diagnosticato solo dall’ospedale pediatrico Santobono di Napoli, a cui i genitori della bambina si sono rivolti per il perdurare delle sofferenze della piccola.

Pur essendo escluso il dolo, la misura cautelare è stata disposta perché la coppia ha dei precedenti, avendo in passato causato colposamente la morte anche di un’altra bambina di quattro anni. La circostanza che rende “recidivi” i due coniugi titolari del centro pediatrico di Casal di Principe emerge dalla nota emessa dalla procura della Repubblica di Napoli Nord, a firma del procuratore capo Francesco Greco.

C’è di più: la donna della coppia è accusata anche di esercizio abusivo di professione, falsità ideologica in certificati e sostituzione di persona, perché era solita firmare le ricette e svariati documenti sanitari al posto del marito. Secondo l’accusa, insomma, la moglie del pediatra esercitava la professione in modo abusivo affiancando il coniuge nella struttura, sottoposta a sequestro preventivo, senza averne licenza. Dalla consulenza tecnica compiuta su mandato della Procura, è emersa una “colposa sottovalutazione della sintomatologia anche attraverso un’omissione dei doverosi approfondimenti diagnostici che determinò un ritardo nella diagnosi”.