Il Ttip rappresenta un “punto svolta nelle relazioni economiche internazionali, capaci di portarci in una nuova fase della globalizzazione con vantaggi per l’Italia e l’Europa”. Lo afferma il ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda, intervenendo nell’aula di Montecitorio, dove è in corso l’informativa urgente sull’accordo tra Ue e Usa. L’obiettivo da raggiungere attraverso l’accordo, spiega, è quello di ”riportare il timone della globalizzazione nelle nostre mani”. Il trattato “potrebbe essere particolarmente vantaggioso per l’Italia” perché, spiega Calenda, alcuni prodotti “sono fortemente penalizzati dai dazi Usa”. Sostenere che il Ttip “è importante non vuol dire essere pronti a chiudere ad ogni costo”, precisa il ministro. Infatti ci sono dei ”temi sensibili” come gli appalti pubblici e le posizioni geografiche. Senza modifiche in queste materie, rispetto alla posizione attuale, “per noi è impossibile raggiungere un accordo”