Holmby Hills, meglio nota come “Playboy Mansion”, la leggendaria villa del fondatore della rivista osè Hugh Hefner, sta per passare di mano dopo 45 anni di onorata carriera. A firmare il compromesso d’acquisto (per una cifra non rivelata, dopo che, lo scorso gennaio, la mansion era stata messa sul mercato per la somma esorbitante di 200 milioni di dollari) è stato il vicino di casa del 90enne Hefner, Daren Metropoulous, il 32enne ricchissimo businessman ed erede di un capitale costruito su snack alimentari (il cui prodotto più noto sono i dolcetti Twinkies) e altre imprese.

Nel 2009 Daren aveva comprato, sempre dal fondatore di Playboy, la residenza accanto per 18 milioni di dollari: ora la nuova mossa, con la clausola che Hefner potrà rimanere per il resto della sua vita nella maestosa villa in stile Tudor. Il progetto del futuro proprietario è di riunire le due ville, riportando la proprietà alla visione originale dell’architetto che disegnò entrambe, Arthur Kelly.

L’edificio venne costruito nel 1927 e fu acquistato dalla Playboy Enterprises nel 1971, per poco più di 1 milione di dollari: la maestosa villa conta 29 stanze su un terreno di cinque acri, è dotata di piscina, campo da tennis, una dependance con quattro stanze da letto, una grande sala giochi e una sala cinema. Teatro di ricevimenti frequentati dal Gotha di Hollywood e dalle bellissime donne con orecchie e codino da coniglio, sono tante le storie e le leggende che hanno visto teatro la villa: dalla notte passata da Elvis Presley con 8 conigliette in una delle 12 stanze da letto della casa, al Matisse bruciato con una sigaretta da John Lennon.