Sky Atlantic querela Pornhub. Il colosso televisivo inglese, secondo quanto pubblicato dal tabloid The Sun, ha portato avvocati e scartoffie in tribunale contro il più redditizio portale statunitense di video porno gratuiti sul web. Il motivo del contendere è quanto di meno vietato ai minori possa esserci: le scene di nudo di Emilia Clarke, una delle protagoniste di Game of Thrones, finita tra video di Rocco Siffredi e Sasha Grey, sedute di bondage e allegorie squirt. Dal quartier generale di Sky sono furiosi. Se il ritorno di Game of thrones il mese scorso sulla HBO ha portato oltre 7 milioni e mezzo di telespettatori sintonizzati, sono stati ben sei milioni le persone che si sono gettate sul web digitando Pornhub per cercare materiale di ogni tipo inserendo nella stringa di ricerca il titolo della serie tv tra le più popolari oggi al mondo.

Il sito porno ha anche registrato un incremento vertiginoso del 370% in più nel cercare Games of Thrones proprio il 24 aprile 2016, il giorno del debutto della sesta stagione della serie ideata David Benioff e D. B. Weiss. Tra i video più richiesti ci sono proprio le scene piccanti di nudo di Emilia Clarke, alias Daenerys Targaryen, Regina dei Draghi, oltretutto già censurate a dovere tra inquadrature e montaggio dei registi della serie. Basta andare su Pornhub e fare una rapida verifica. Ed ecco apparire la 30enne attrice londinese immersa in una vasca di legno mentre fa il bagno e le si vedono mezzo seno nudo e relativi mezzi capezzoli all’aria.

Altra ricerca e ritroviamo la Clarke nell’episodio quattro della sesta serie mentre in mezzo ad un incendio scende lentamente le scale. Qui il regista dell’episodio Book of Stranger, Daniel Sackheim, andato in onda soltanto il 15 maggio scorso, si è “limitato” ad un full frontal della ragazza sempre a petto nudo che l’abile montatore del sito porno ripete in loop ad effetto gif per diversi minuti. Subito dietro la Clarke, in ordine di click su Pornhub, si piazza Natalie Dormer. La 33enne protagonista di Rush qui nei “panni” di Margaery Tyrell è stata pizzicata e riprodotta online mentre si toglie un ingombrante vestito e rimane anche lei a petto completamente nudo. Una sorta di “fissa” autoriale, quella del mezzo busto con seni al vento, per una serie tv che non disdegna accoppiamenti sanguigni e ruspanti più simili a Flesh and Blood di Paul Verhoeven che a qualsiasi programmino passato sotto il visto di censura cinematografico della MPAA.

Altra ricerca ed ecco al terzo posto la vera star autenticamente porno di Trono di Spade, Sebill Kekill. Visto che a pensar male si fa peccato ma ci si prende sempre, ecco scoperto lo scouting birichino della serie tv: il mondo del porno. Già perché la bella Sebill, che in Game of thrones interpreta Shae, appare sul sito di Pornhub in un vortice infinito di scene hard appartenenti al suo glorioso passato a produzione spinta turco-tedesca. Impossibile distinguere ciò che proviene dalla saga di Benioff e Weiss da ciò che è più proprio allo showreel di un’autentica pornoattrice. Ancora un ultima ricerca su Pornhub ed oltre alle diverse raccolte di nudi da Trono di spade messi ordinatamente insieme e la falsa pista di una brillante e non dissimile parodia porno dall’originale – a livello meramente estetico/cromatico –, ecco una star un tantino decaduta ma davvero di una bellezza mozzafiato che si presta anch’essa al tradizionale mezzo busto Game of thrones  e ad un’ardita quanto intensa scena di sesso che fa sbucare perfino qualche pelo pubico maschile. Si tratta di Carice Van Houten già leggiadra e sbarazzina protagonista di Black Book (qualche scena di nudo totale c’è pure lì) girato nel 2006 guarda caso da Paul Verhoeven, oggi fortunata compagna di Guy Pearce. Insomma, se Pornhub ha alzato un tantino l’asticciola delle riproduzioni online oltrepassando formalmente le regole del copyright, alla fonte tra le stanze fantastico medioevali di Game of Thrones c’era chi aveva già inconsciamente previsto un’esposizione di corpi e di sessualità più vicina all’erotico che al fantasy. A buon intenditore…