di Selenia Conigliaro

Questa è una petizione su Change.org. Anche voi del Fatto potete fare tanto. Un’inchiesta sull’ennesima vergogna italiana. “In Italia il 32,5 % delle scuole secondo i dati di ecosistema scuola e cittadinanza attiva necessita di interventi urgenti di manutenzione e il 50% non ha il certificato di agibilità. Molte si trovano in zone a rischio sismico e a rischio idrogeologico. Che paese è un paese che non provvede prioritariamente alla sicurezza delle scuole dei propri figli? Oggi nessun  genitore è in grado di sapere se i propri figli frequentano scuole sicure perché l’anagrafe dell’edilizia scolastica non ha ancora visto la luce. E’ necessario procedere ad una ripartizione della spesa pubblica che preveda finanziamenti per gli enti Locali.

Tale misura è urgente e necessaria, senza se e senza ma. A noi non interessano i parametri della finanza internazionale. Noi come cittadini paghiamo le tasse e pretendiamo che i nostri figli frequentino luoghi sicuri. La sicurezza dei bambini non può essere barattata con niente. Gridiamo a gran voce a tutte le istituzioni questa priorità. L’Unione Europea deve agire.. e se blocca il debito pubblico deve pur farsi carico dei problemi di ogni paese. Il Presidente della Repubblica deve agire. Il Parlamento, il Governo e ogni sindaco e Presidente di regione devono agire”.

_____________________________________________

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.itsottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club.

Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.