Hanno discusso e forse l’eccesso di alcol ha portato un cinquantunenne coreano a reagire con violenza nei confronti della moglie, una connazionale di 46 anni, che è morta per la caduta nel vuoto dalla finestra dal primo piano dell’hotel in cui la coppia alloggiava a Cardano al Campo (Varese).

L’uomo, dopo essere stato ascoltato dagli inquirenti per tutta la giornata, in serata è stato sottoposto a fermo per omicidio volontario. La dinamica esatta della morte della donna, deceduta per trauma cranico dopo un volo di alcuni metri terminato al piano dei box dell’Hotel “Ibis” di Cardano, è ancora da chiarire. Alle 22.30 di ieri sera è arrivata una telefonata al 112, e sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 che nulla hanno potuto. Sono poi arrivati i carabinieri.

Secondo quanto ricostruito fino ad ora dagli inquirenti (sul posto è arrivato anche il Procuratore Capo Gianluigi Fontana), la donna e il marito erano rientrati nella loro stanza dopo essere stati a cena. Alcuni testimoni avrebbero riferito di una lite, ma sono state necessarie numerose ore e colloqui con tutti gli appartenenti del gruppo in visita dalla Corea, un cittadino portoghese e di alcuni dipendenti dell’ albergo, per avere un quadro più chiaro di quanto possa essere accaduto in quella camera. Secondo i riscontri degli uomini dell’Arma, il cinquantunenne fermato era visibilmente ubriaco, mentre l’autopsia chiarirà se lo fosse anche la vittima.