Renzi continua a dire che alcuni di noi si stanno scudando con l’immunità per alcune dichiarazioni che abbiamo fatto, lo ripete e pensa di essere furbo. Qualcuno gli spieghi che c’è differenza tra immunità e insindacabilità, gli dico che noi non le utilizzeremo mai”. Così Luigi Di Maio, deputato e componente del direttorio del Movimento 5 Stelle e vicepresidente della Camera dei deputati, in conferenza stampa a Roma con i candidati sindaci M5S nelle principali città italiane replica al presidente del Consiglio, che negli ultimi due giorni più volte è tornato a chiedere che i deputati pentastellati rinuncino all’immunità contro le querele partite dal Pd nei confronti di Sibilia, Catalfo, Di Maio, Di Battista. “Noi non ci proteggiamo dietro questi strumenti, sono loro che si scudano – ribatte Di Maio – che si proteggono con l’immunità e con la riforma della Costituzione, la estendono anche a consiglieri regionali e sindaci. Se Renzi non si convince di questo e insiste, gli chiedo un confronto pubblico su sprechi e privilegi del suo partito”