Il manager faentino: “Ebbe la sfortuna di trovarsi un futuro campione del mondo come Ayrton Senna”