L’importante è esserci. Se poi è un’anteprima mondiale di una delle serie più attese dal pubblico, esser presenti è d’obbligo. Fosse solo per farsi un selfie davanti al wall e poterlo postare sui social, sperando di suscitare l’invidia di chi la serie la conosce davvero. Già dalla mattina, all’esterno del Teatro dell’Opera di Roma, dove si è tenuta la conferenza stampa alle 12,30, la folla aspettava e acclamava i protagonisti della serie Gomorra2. Il clou dell’evento è stato il red carpet previsto alle 20. Pochi invitati selezionati hanno avuto l’occasione di vedere in anteprima i due episodi della seconda stagione della serie italiana che sarà in onda da questa sera su Sky Atlantic alle 21.

Aperti i cancelli, al via la rincorsa per fare il red carpet e sentirsi per un attimo protagonisti. Tra Giancarlo Giannini, Lucia Annunziata, il Ministro Madia, c’era anche chi sperava di potersi far immortalare dai fotografi presenti e finire su qualche giornale, per dare prova di essere presente all’evento. La delusione letta negli occhi di molti invitati che venivano invitati dalla security a passare dal lato opposto del red carpet era palese. La voglia di avvicinarsi a dir loro “Guaglio sta senz pensier” era tanta.

Poi, con quasi un’ora di ritardo, ecco arrivare acclamati dalla folla i protagonisti della serie. I due nuovi volti femminili della serie, Cristiana Dell’Anna, già conosciuta per il suo ruolo da diverse stagioni in “Un posto al sole”- fiction di Rai3, e Cristina Donadio, hanno dato il via alla passerella ufficiale. Ma la vera protagonista è stata Denise Capezza, con una mise che non ha lasciato niente all’immaginazione.

I protagonisti hanno sfilato prima da soli, poi in coppia con gli altri personaggi, poi ancora con le rispettive famiglie. Anche fare il red carpet diventa un lavoro e i ragazzi sembravano preferire un giorno di riprese intero che quei due minuti. Un consiglio per questa sera: cenate prima delle 21 se guarderete Gomorra2, perché già con il primo episodio della seconda serie vi si chiuderà lo stomaco. “Ce ripigliamm’ tutto quello che è ‘o nuost’!”. Gomorra sta tornando.