“Siamo stati noi a portare i libri in tribunale e cercare di coinvolgere la magistratura su tutto ciò che riguarda la partecipata Aamps“. Così il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin (M5s), ai microfoni di ‘Fuori Onda‘ su La7 commenta l’indagine a suo carico per bancarotta fraudolenta sulla questione riguardante la municipalizzata dei rifiuti, società controllata dal comune di Livorno. “La magistratura ha fatto quello che doveva fare – continua il primi cittadino di Livorno -, con il sindaco di Lodi ci sono due situazioni completamente differenti. Io non ho tratto alcun beneficio cercando di tutelare i cittadini”. Infine chiosa sulle dimissioni: “Laddove si dovesse imputare una condotta che potrebbe inquinare me o il M5S, le mie dimissioni le potrete già considerare sul tavolo