Ammiraglia, convertibile. Due semplici parole racchiudono tutto il mondo Mercedes in un modello di assoluta esclusività, il vertice di gamma declinato in cabriolet. Un’auto così mancava alla marca tedesca da circa quarantacinque anni, ma la forte ondata di rinnovamento ed ampliamento che sta trasformando l’offerta di Stoccarda ha trovato energie e spazio anche per questo prodotto di nicchia.

Anche se nei luoghi più esclusivi del pianeta di S Cabrio se ne vedranno parecchie in giro. Del resto, potendosela permettere, l’auto ha davvero tanto da offrire, garantendo il meglio del lusso a quattro ruote – comfort, ricercatezza, sofisticazioni meccaniche e tecnologiche – con l’emozione ed il sapore “eterni” del viaggiare a cielo aperto, autentica fabbrica del benessere.

Ed eccoci a bordo della “piccola” S 500 Cabrio, che si accontenta di un V8 biturbo di 4.7 litri da 455 cv. Solo con metà gas, i 700 Nm di coppia strappano l’auto dall’asfalto proiettandola in avanti, su livelli sconosciuti per automobili normali, e affondando a pieno il pedale i 100 km/h da fermo sono divorati in 4”6. Eppure, per spumeggianti che siano le prestazioni già su questa versione di ingresso (si fa per dire, a 150 mila euro…), passano in secondo piano travolte da altre sensazioni. Oltre cinque metri di carrozzeria dal design plastico e mordente, dal vivo appaiono molto più compatti, così da dentro non si soffre alcuna soggezione anche manovrando in spazi piuttosto ristretti. E fin dai primi metri, ci si trova immediatamente in modalità… abbraccio.

È il punto di forza di tutte le Classe S e questa cabrio non fa eccezione: la consueta accoglienza raffinata, lussuosa, premurosa, in questo caso è personalizzata da ricercatezze specifiche che cambiano la prospettiva del viaggio a tetto aperto anche fuori stagione. Immersi in un autentico salotto “open air”. In ordine sparso: la climatizzazione specifica ionizza l’aria e si adatta da sola al tetto aperto o chiuso, garantendo particolare stabilità al micro-clima; il riscaldamento della zona collo dei passeggeri anteriori (vi spiegano che la S Cabrio è per quattro, ma in due è molto meglio…) toglie i fastidiosi spifferi quando l’aria è frizzante, il frangivento automatico Aircap riduce ulteriormente eventuali turbolenze.

Ancora: le poltrone si adattano in tutte le direzioni, hanno il contenimento pneumatico attivo in curva – la S Cabrio è capace di stupire pure con aderenza ed agilità da fuoriclasse – e vi possono effettuare un corroborante massaggio Energizing. La capote? Tre strati spessi e totalmente isolati dal rumore per un’acustica di prima classe, sempre; con ripiegamento ed apertura in 20 secondi effettuabili fino a 50 km/h. Non mancano rivestimenti integrali in pelle, due enormi schermi che sostituiscono cruscotto e display navigatore tradizionali, e poi c’è naturalmente tutta la “suite” di ausili attivi alla guida, per combattere al meglio le eventuali disattenzioni al volante. Tanto più che con le sospensioni pneumatiche attive si viaggia sempre sul velluto. Certo, però, che il bagagliaio è piccolo. O sarà forse solo… invidia?

 

MERCEDES CLASSE S CABRIO – LA SCHEDA

Il modello: Torna dopo lungo tempo l’ammiraglia Mercedes “vestita” dell’esclusiva carrozzeria cnvertibile. L’ultima fu la W111, uscita di produzione nel 1971. La vettura concentra lusso e tecnologie già disponibili su berlina e coupé, puntando ad affermarsi come la rappresentare la scoperta più sofisticata sul mercato. La vettura è già in vendita.
Dimensioni: lunghezza 5,03 metri, larghezza 1,90, altezza 1,42 metri
Motori benzina: V8 4.7 da 455 Cv, 5.5 V8 da 585 Cv, 6.0 V12 da 630 Cv
Consumi omologati nel ciclo misto: da 8,5 a 12,0 litri per 100 km
Emissioni di CO2: da 199 a 272 g/km di anidride carbonica
Prezzi: da 149.760 a 270.370 euro
Ci piace: Le “coccole” ai passeggeri di qualità impareggiabile, a cielo aperto come a vettura chiusa.
Non ci piace: Vano di carico sacrificato, seppur versatile, nonostante la capote in tela.