Boris è stato minacciato e annaffiato con una pompa dell’acqua in mezzo alla strada, proprio dove intrattiene i piccoli di Viareggio con le sue bolle, perché due negozianti non lo vogliono davanti alle loro vetrine. Un video che in poche ore ha fatto il giro d’Italia tra indignazione per i commercianti e massima solidarietà per questo ex medico russo, molto amato dai bambini per le sue bolle giganti. Così dopo un tam tam su Facebook, i viareggini e non solo si sono ritrovati a partecipare a un flash mob per fare le bolle con Boris
(video tratti da Twitter)