Sulla famosa aria della brigata Julia (Sul ponte di Perati) lo scrittore e capo partigiano Nuto Revelli scrisse questa canzone, divenuta famosa per l’intensità e per lo spirito battagliero con cui Nuto inneggia alla conquistata libertà dal nazifascismo.

Qui la ripropongo in un’esecuzione live del 1965 mia e del Coro del Teatro Comunale di Bologna, vent’anni esatti dopo la Liberazione.