“Non credo più nella giustizia. Nel suo nome sono stati fatti i peggiori crimini”. Così lo scrittore Roberto Saviano ai microfoni di Sky TG24 manifesta tutto il suo pessimismo. Nel corso del colloquio lo scrittore di Gomorra parla dell’evoluzione delle organizzazioni criminali. “Non ho nessuna speranza nelle istituzioni, nella politica e nei media. Credo invece nella bontà, parola oggi impronunciabile, e nel rapporto uno a uno”