Il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala vincente al ballottaggio, il ritiro di Corrado Passera per il centrodestra non incide e il Movimento 5 stelle secondo partito. E’ questa la fotografia dei sondaggi elettorali per le amministrative a Milano del prossimo maggio. Secondo le analisi di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera infatti, a poche settimane dal voto è testa a testa tra le liste di centrosinistra (35,9 per cento) e centrodestra (36,5 per cento), mentre al ballottaggio è avanti Sala su Parisi (32 vs 30 per cento) con il 38 per cento che dice di essere indeciso. Secondo invece Swg per il Pd, l’ex commissario Expo al primo turno è dato tra il 43 e il 47 per cento, mentre Parisi tra il 32 e il 36%. Al ballottaggio, Sala raggiungerebbe il 58 per cento contro il 42 di Parisi. Indecisi al 21 per cento.

Pagnoncelli: “Centrodestra e centrosinistra quasi in equilibrio”
Secondo la rilevazione pubblicata dal Corriere della Sera, le due liste si distanziano di meno di un punto percentuale (centrosinistra al 35,9 per cento e centrodestra al 36,5 per cento). “Lieve” il vantaggio dell’ex commissario Expo, mentre Parisi continua nella sua operazione di rincorsa. La decisione di Passera di fare un passo indietro a favore del candidato di centrodestra non ha però avuto effetti particolari. Come spiega Pagnoncelli, il suo era un elettorato di “opinione” che avrebbe scelto l’ex ministro per dare un segnale di “rottura”. Quanto ai partiti: il Pd è il primo con il 21,5 per cento dei voti, secondo il M5s al 17,3%, terza la Lega Nord al 16,6 per cento e quarta Forza Italia al 11,8 per cento. Gli incerti o che non andranno a votare sono il 40,6 per cento. Al secondo turno il 20 per cento dei grillini dice che voterà per Parisi e solo il 13% per Sala.

Swg: “Giuseppe Sala in vantaggio al primo turno e vincente al ballottaggio”
I sondaggi Swg per il Pd pubblicati da Repubblica invece parlano di una forbice tra Sala e Parisi che si allarga in favore del primo che otterrebbe tra il 43 e il 47 per cento dei consensi, contro il 32-36% del candidato del centrodestra. Al ballottaggio sarebbe poi vincente con il 58% contro il 42%. Per quanto riguarda i partiti invece: il Pd è primo al 32%, seguono i 5 stelle (15%), Fi (12%) e Lega (11,5%). In merito al peso delle singole liste, da segnalare Sinistra per Milano (Sel, Verdi, Arancioni) e la lista civica Sala Sindaco che otterrebbero il 5,5% dei voti. Il 68 per cento inoltre degli elettori grillini, sempre secondo Swg, ha detto che in caso di secondo turno sarebbe pronto a votare per il renziano, mentre il 32 per il candidato del centrodestra.