La Corte sportiva d’Appello Nazionale ha ridotto di una giornata la squalifica all’attaccante del Napoli, Gonzalo Higuain, “e per l’effetto, riduce la sanzione complessivamente inflitta a 3 giornate effettive di gara“. Inalterata l’ammenda, che rimane di 20mila euro. Raggiunto quindi da parte del Napoli, l’obbiettivo di ridurre la squalifica che il giudice Tosel aveva inferto all’attaccante che nella sfida Udinese-Napoli dello scorso 3 aprile perse calma e testa inveendo contro l’arbitro che gli aveva rifilato un cartellino rosso. In questo modo il Pipita il 25 aprile scenderà in campo contro la Roma. La Corte comunica di aver parzialmente accolto il ricorso presentato dal club partenopeo dopo la squalifica di quattro giornate inflitte all’argentino. Il Pipita, che ha già scontato il turno di stop contro il Verona, salterà la sfida di domani sera contro l’Inter e quella di martedì 19 aprile contro il Bologna. Sarà però a disposizione di Sarri in tempo per la sfida contro i giallorossi. Al termine della breve udienza né il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, né Higuain hanno rilasciato dichiarazioni ai cronisti che li attendevano all’uscita