Il cadavere di una donna è stato trovato domenica mattina a bordo di un’auto nel parcheggio adiacente al cimitero di Cusano Milanino. La vittima, Liliana Mimou, 27 anni, è stata strangolata con una corda. Il suo corpo era sul sedile posteriore di una Renault Modus nera, riversa su un seggiolino per bambini.

Sul posto sono al lavoro i carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni e del nucleo investigativo di Monza, il comandante provinciale dei carabinieri di Milano, colonnello Canio Giuseppe La Gala, e il sostituto procuratore di Monza Emma Gambardella. Le indagini sarebbero concentrate sui rapporti personali della vittima. Gli inquirenti stanno sentendo in questi minuti il fidanzato della donna e “stanno eseguendo varie perquisizioni”.

Liliana Mimou faceva la parrucchiera ed era zia di tre bambini (e non mamma come si era appreso in un primo momento). Mamma sudamericana e padre italiano ma con famiglia di origine straniera, la donna viveva a Limbiate (Monza) e aveva una relazione sentimentale con un italiano, residente nel milanese e con il quale tuttavia non conviveva. Il seggiolino per neonati rinvenuto sulla sua auto veniva utilizzato dalla donna per trasportare i suoi nipotini, figli di due sorelle e un fratello (un quarto fratello é deceduto alcuni anni fa in un incidente stradale).