La polizia della Macedonia ha lanciato gas lacrimogeni e sparato plastic bullet, i proiettili di gomma, contro i migranti per disperdere oltre 500 di loro che provavano a forzare la recinzione dell’accampamento di Idomeni dal lato greco della frontiera. Lo riferisce un testimone di Reuters. “Hanno lanciato sassi contro la polizia macedone. Le forze dell’ordine del paese balcanico hanno lanciato gas lacrimogeni in risposta”, ha detto un funzionario macedone coperto dall’anonimato, aggiungendo che la rete non è stata sfondata ed è dunque ancora in piedi. I migranti che si trovano nel campo di Idomeni (guarda il reportage del FattoTv) chiedono che il confine fra Grecia e Macedonia venga aperto ma da settimane non viene consentito il loro passaggio. Medici senza Frontiere parla di 40 persone ferite dai proiettili di gomma