Nuovo appuntamento con il critico cinematografico Massimo Bertarelli, che, come ogni settimana nella rubrica Critical Max, commenta i film in uscita nelle sale italiane.

Il primo lungometraggio analizzato è “Veloce come il vento” di Matteo Rovere, con Stefano Accorsi e Matilda De Angelis. “Questo è un ‘melodrammino’ sportivo-famigliare ambientato a Imola” – osserva Bertarelli – “E’ un film, tutto sommato, dignitoso, si vede abbastanza volentieri, senza però colpi d’ala. Brava l’attrice esordiente Matilda Angelis, nota per la fiction su Rai Uno, “Tutto può succedere”“.

Secondo film della cinquina è “Victor – La storia segreta del Dottor Frankenstein” di Paul McGuigan, con James McAvoy e Daniel Radcliffe: “Io comincio a essere un po’ stufo di tutte queste rivisitazioni di Frankenstein, che è uno dei personaggi più saccheggiati del cinema. Questo film non è un granché, ma è sicuramente mille volte migliore del “Frankenstein” di Bernard Rose, uscito due settimane fa, una roba invedibile. I costumi sono magnifici, l’ambientazione è la Londra dell’800, anche se ricostruita quasi tutta digitalmente”.

E’ poi il turno de “Il cacciatore e la Regina di Ghiaccio” di Cedric Nicolas Troyan, con Chris Hemsworth e Charlize Theron: “Questo film, più che di ghiaccio, lo definirei agghiacciante. E’ un fritto misto di “Frozen”, “Biancaneve”, “Maleficent”: tutti film in completa balia degli effetti speciali. Charlize Theron interpreta la cattivissima regina: sempre bella, ma lo specchio in cui si guarda continuamente dovrebbe anche spiegarle che è un pochino invecchiata. Non so a che pubblico si possa rivolgere questo film. Secondo me, sarà un fiasco solenne e meritato“.

Il critico recensisce il film francese “Mister Chocolat” di Roschdy Zem, con Omar Sy e James Thierree: “Pensavo che fosse un po’ meglio. E’ un film a metà strada tra commedia e dramma. E’ la storia del primo comico e show-man di colore, Rafael Padilla, noto come Chocolat, così come veniva affettuosamente chiamato con una punta di involontario razzismo. Il personaggio principale è interpretato da Omar Sy, notissimo protagonista di “Quasi amici”. Bella l’ambientazione, ma il film non rende come si sarebbe sperato“.

Ultimo movie commentato è “Una notte con la Regina” di Julian Jarrold, con Sarah Gadon, Rupert Everett, Emily Watson: “E’ una deliziosa commedia di pura stoffa inglese su una notte brava della regina Elisabetta nel maggio del 1945, appena dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ispirata a una storia vera, anche se ampiamente romanzata, ricorda in qualche modo “Vacanze romane”. L’ambientazione è bellissima, gli attori sono molto bravi e il film si segue molto molto volentieri

(Regia di Samuele Orini, testo di Gisella Ruccia, collaborazione di Simona Marfè)