Chi voglio come sindaco a Roma? Gino Strada”. Sono le parole dell’attore e conduttore televisivo Flavio Insinna, ospite di Andrea Scanzi nel suo Reputescion, in onda in onda questa sera alle 22 su La3 (Sky can 163, streaming su www.la3tv.it). “A Roma come sindaco” – continua, rispondendo al giornalista de Il Fatto Quotidiano – “voglio un uomo o una donna che abbia il piacere di passeggiare per la città e di sentirsi dire: ‘Bravo. Grazie. Lei mi ha risolto un problema’. So che tu vorresti Gino Strada come ministro della Sanità. Siamo riusciti a tramutare la sanità nella più grande macchina di affari e di soldi che non ha nulla a che fare con la salute delle persone”. E aggiunge: “I farmaci sono costosissimi, è assurdo che nel 2016 non riusciamo a curarci tutti quanti. Un mio amico ematologo, l’altra sera, mi ha detto che non ha i mezzi per curare tutti. Esistono farmaci per curare, ad esempio, determinati tipi di epatite, ma un ciclo costa 84mila euro. Io non mi voglio rassegnare a quest’idea. No”. Insinna poi precisa: “Condurre un talk show come Floris, Giannini o Santoro? Non ho il tasso culturale e tecnico. Non ho quella capacità di fronteggiare il grande politico. Se fossi in una squadra di calcio, io sarei il mediano. Sono un uomo di buon senso, non mi spaventa la ‘mischia’”