Iveco si prepara a fare i conti con l’Antitrust Ue. Cnh Industrial ha fatto sapere di aver messo in conto un accantonamento di 500 milioni di dollari (450 milioni di euro) per far fronte all’indagine dell’authority dell’Unione Europea che ha coinvolto la controllata e suoi concorrenti per “comportamenti anti competitivi”. L’indagine del 2011 riguarda una sospetta complicità tra i costruttori che avrebbero creato un cartello sui prezzi dei camion. L’accantonamento, deciso “sulla base di recenti sviluppi” è previsto nel primo trimestre e “si ritiene non sia deducibile fiscalmente”. La società del gruppo Fiat Chrysler “continuerà a monitorare l’ammontare dell’accantonamento sino alla conclusione dell’indagine. La società ha risorse finanziarie sufficienti per far fronte a pagamenti per importi commisurati all’accantonamento”, fa sapere Cnh in una nota.