“A nome dell’Italia porgo il cordoglio fraterno al popolo belga per il terribile attentato, i nostri paesi sono uniti da un rapporto storico di profonda amicizia e le lacrime di oggi ci rendono se possibile più vicini. I terroristi hanno colpito i luoghi di vita di tutti i giorni seguendo copione triste che ha già segnato altri attentati”. Così il premier Matteo Renzi in una dichiarazione a Palazzo Chigi sugli attentati di Bruxelles. “Chi oggi offre soluzioni miracolistiche non si rende conto di quanto sarà lunga questa situazione. Chi si illude e dice ‘chiudiamo le frontiere‘ non si rende conto che i nemici sono già dentro le nostre città. Non è tempo per sciacalli, ma neanche per colombe – afferma il presidente del Consiglio -. L’Europa deve fare di più a livello interno, si vada fino in fondo, serve una struttura unitaria di sicurezza e difesa. E’ dal ’54 che si litiga sulla sicurezza comune