Un dirigente del Comune di Roma addetto ai piani di zona, un programma di edilizia sovvenzionata per redditi medio bassi, proprietario di un villino all’interno di uno dei comprensori di cui ha firmato gli atti. E poi, agenti dei servizi segreti che pagano il doppio del canone di affitto prestabilito. Ma, soprattutto, il dramma di decine di sfratti che avvengono quotidianamente nell’estrema periferia della Capitale. È il buco nero dei piani di zona a Roma, che il Fatto Quotidiano ha documentato nei giorni scorsi: domenica sera sarà al centro della puntata di Presadiretta in onda su RaiTre (ore 21,45). Nel reportage intitolato “Case al popolo”, firmato da Federico Ruffo, si ripercorre la “guerra per la casa” in atto a Roma, dove migliaia di persone hanno comprato o affittato appartamenti nati come edilizia agevolata ma poi venduti a prezzi di mercato e ora faticano a pagarli. Tre le inchieste aperte dalla procura della Repubblica, ipotizzati i reati di tentata estorsione e concussione