Giorgia Meloni ha capito che Silvio Berlusconi vuole perdere le elezioni a Roma nel momento in cui ha bisogno di una benevola neutralità del governo Renzi per i suoi soliti affari. Che poi sono l’unica bussola della sua carriera politica”. Così il direttore de il Fatto Quotidiano Marco Travaglio, ospite a Otto e mezzo (La7), insieme alla Meloni, neo candidata a sindaco di Roma nella coalizione di centrodestra. “Ho scelto di candidarmi – spiega la leader di Fratelli d’Italia che replica così alle dichiarazioni di Guido Bertolaso e poi di Berlusconi – perché mi dispiace che siano gli uomini ad avere la presunzione di dire a una donna che cosa possa o non possa fare quando aspetta un figlio”.”Berlusconi non è stato rottamato dalla Meloni e da Salvini, si è rottamato da solo”, dice Travaglio che aggiunge: “Non è da oggi che ha rinunciato a qualsiasi iniziativa politica. L’ha fatto da quando ha capito che per la sopravvivenza delle sue aziende doveva mettersi da parte e favorire governi indigeribili per il suo elettorato. Le persone avvedute si rendono conto che Berlusconi per salvare l’azienda deve sempre essere governativo. Ma lui – conclude Travaglio – pretende di fare comunque il leader del centrodestra e fare delle scelte suicide anteponendo gli interessi dell’azienda a quelli del suo partito, diventando addirittura antifascista”