E non hai ancora visto niente. Sicuramente nessuno può accusare Lorenzo Jovanotti di non essere sincero. Il titolo del nuovo singolo, infatti, suona come una sorta di manifesto programmatico, e non delude le aspettative. Il brano, al momento in rotazione in radio e anche presente in rete sotto forma di video, è il nuovo estratto dal fortunato Lorenzo 2015 cc, album più venduto in Italia l’anno scorso, e come spesso capita al Lorenzo nazionale non ha mancato di fare scalpore. A colpire, anche stavolta, il video di accompagnamento, anche se, almeno inizialmente, per il motivo più scontato.

Nel video che ha una fotografia davvero spettacolare, Lorenzo mette in atto un gesto che ha del clamoroso: si rasa a zero. Sì, lui che ai tempi de L’ombelico del mondo si era di colpo presentato in scena con una lunga criniera riccia, e che nel corso degli anni ha sempre esibito pettinature piuttosto ricche, accompagnate dalla ormai inseparabile barba, diventa completamente pelato, neanche avesse letto il nostro inno alla calvizie. Di questo, ovviamente, si è molto parlato in rete, specie sui social, dove il nuovo look di Jovanotti ha diviso le genti, chi assolutamente pro, chi totalmente contro.

Tutto questo clamore ha però distratto i più dalla vera chicca presente nel video di E non hai ancora visto niente, cioè la presenza in scena di Teresa Cherubini, la figlia diciassettenne del cantautore toscano, nata il 13 dicembre del 1998 e a cui è stata dedicata la ballata Per te, uscita nell’album Lorenzo 1999- Capo Horn. Vederla lì, capelli vagamente punkeggianti, biondo cenere, mentre si muove al fianco del ben più noto babbo fa davvero effetto, perché, da coetaneo di Jovanotti, giusto qualche anno in meno, ben mi ricordo quando Lorenzo, quello che un tempo cazzeggiava in tv cantando Gimme Five, diventò padre, traghettando tutti noi nell’età adulta.

Lei, Teresa, è la copia della madre Francesca (non si dice sempre così?), e buca lo schermo esattamente come il papà, seppur nella quasi totale immobilità con cui appare. È una ragazza, ormai, una donna e Jovanotti, sempre più popstar globale e globalizzata, non può che rasarsi a zero per rubarle la scena. Lei che era già apparsa, infagottata in una coperta, nel video di Per te. Anzi, proprio in quel video, lo-fi, appariva ancora nella pancia della mamma, nelle prime scene. Cambiano i tempi, viene da dire. Jovanotti non è più il guru pret a porter vezzeggiato da Terzani e dalla Pivano, ma l’artista che non sbaglia una mossa, che più passa il tempo e più riesce a liberarsi degli orpelli e a diventare leggero, lì a ballare come se non ci fosse un domani. Noi siamo invecchiati con lui, e con noi sono cresciute le nostre figlie. Nella speranza che davvero, come canta Lorenzo “Eppure milioni di serrature non riescono a tenermi chiuso il cuore”.