Finora si è vista solo qualche “smartina” a batteria in giro per le grandi città. La si può pure affittare, con tariffe tutto sommato abbordabili visto che 30 euro al giorno per togliersi lo sfizio di scorrazzare indisturbati per i centri storici, spendere due euro per un pieno e non pagare il parcheggio ci possono stare. Meglio se da turisti ovviamente. Per offrire questo servizio la Daimler si è appoggiata ad un’altra azienda, la Edilfar Rent, che in un paio d’anni ha effettuato oltre 3.000 noleggi (circa 20.000 giornate) di Smart elettriche. Numeri che, va detto, per quanto incoraggianti ancora non hanno assicurato guadagni memorabili.

Ma hanno fatto capire che c’è un certo interesse, e dunque spazio a sufficienza per il business. Al punto che il sodalizio tra le due aziende ha deciso di rilanciare offrendo un secondo modello per il noleggio a breve termine: la Classe B, anch’essa rigorosamente elettrica. “Perché chi prova un’auto a batteria poi non la vuole più lasciare, specie nelle grandi città”, spiega il presidente di Edilfar Rent Marco Berti. Sarà pure vero, ma troppo spesso questi desideri sono frustrati dalla mancanza di infrastrutture e colonnine di ricarica: ce ne sono poche, e alcune non funzionano neanche. Consola solo il fatto che, avendo la Classe B un’autonomia di circa 230 chilometri, salvo casi eccezionali la città si può girare senza troppe ansie.

Comunque sia il servizio, attivo a Roma e Milano, ha un costo di 60 euro al giorno comprensivo di tessera per ricariche illimitate (Enel a Roma e A2A a Milano) e due cavi, uno per la rete domestica e l’altro per la ricarica da colonnina. Le vetture saranno disponibili in nove punti di noleggio indicati sul sito www.edilfarrent.it, dove si potranno anche prenotare le auto.